Una ricerca pubblicata dall'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) e pubblicata su Lancet Oncology ha confermato che mangiare carne rossa ogni giorno non fa bene. Gli studiosi hanno analizzato gli effetti degli affettati, rilevando le conseguenze sull'organismo. A danneggiare il corpo sono i processi di salatura e stagionatura, con un aumento di contrarre tumori all'intestino, al colon, allo stomaco e al pancreas.

Secondo la ricerca del Global Burden of Disease Project sono 34mila i morti riconducibili a malattie legate a un consumo eccessivo di carni rosse lavorate e affettati. Secondo i dati, 50 grammi ogni giorno bastano per accrescere l'incidenza di contrarre il cancro al colon del 18%. Naturalmente si tratta di un quantitativo notevole e al disopra della media del consumo quotidiano: diverso è il caso di un consumo saltuario di salumi, che non comporta rischi per la salute.