Non hai pagato il canone Rai? Le sanzioni previste in questo caso non sono esattamente leggere: si parla, infatti, di dover versare da due a sei volte l'importo evaso. Considerato che l'abbonamento costa 100 euro l'anno, chi ha omesso di pagarlo può vedersi recapitare una multa da 200 a 600 euro, come spiega il portale laleggepertutti. Se l'abbonato ha inoltre inviato all'Agenzia delle Entrate una falsa dichiarazione in cui afferma di non possedere un televisore, rischia fino a due anni di carcere. 

Ma come si può arrivare a simili conseguenze? AdnKronos lo spiega in dettaglio. Ecco cosa succede a non pagare il canone Rai.

Canone Rai in bolletta – Il canone Rai è addebitato nella bolletta dell'elettricità nella generalità dei casi, quindi il pagamento è automatico: se l'utenza è a nome di un componente della famiglia anagrafica non sussistono problemi, in quanto basta che uno dei componenti paghi il canone perché tutti i familiari residenti nell'abitazione siano considerati in regola. Può capitare, però, che il canone non sia addebitato in bolletta, ad esempio perché la famiglia è in affitto e l'utenza elettrica è intestata al proprietario dell'immobile. In questi casi, per essere in regola, bisogna pagare il canone con modello F24.

Compilazione del modello F24 – Se non si riceve il canone in bolletta e si è obbligati al pagamento, per evitare le sanzioni bisogna saldarlo con modello F24. Il modello deve essere compilato indicando i codici TVRI, se si è già titolari di un abbonamento Rai e si deve pagare per il consueto rinnovo annuale oppure TVNA, se si deve saldare un nuovo abbonamento. L'importo dell'abbonamento, come già esposto, è pari a 100 euro e l'anno da indicare nel modello è quello corrente, a cui si riferisce l'abbonamento.

Chi è esonerato – Naturalmente, se si è esonerati dal pagamento del canone non è necessario effettuare alcun versamento, né in bolletta né tramite F24. Si è esonerati se all’interno della propria famiglia anagrafica qualcuno paga già il canone, se sono stati compiuti 75 anni di età, il reddito complessivo del nucleo familiare non supera 713,98 euro ed è stata presentata l’apposita dichiarazione sostitutiva. L’esenzione è valida anche se a possedere i requisiti è un componente della famiglia anagrafica. L'esonero è disposto da convenzioni internazionali ed è stata presentata l’apposita dichiarazione sostitutiva: l'esenzione è valida anche se a possedere i requisiti è un componente della famiglia anagrafica o se è stata presentata la dichiarazione sostitutiva di non detenzione di apparecchi televisivi, anche da parte di un componente della famiglia anagrafica.

Se si rientra tra coloro che sono esonerati dal pagamento del canone, ma arriva comunque l'addebito con la bolletta dell'elettricità, è possibile versare all'ente gestore del servizio elettrico l'importo dei soli costi dell'utenza, togliendo il canone. L'ente gestore dovrà comunicare all'Agenzia delle Entrate che l’utente non ha provveduto a pagare il canone: se non lo fa, sono previste sanzioni dal 120% al 240% dell’importo non dichiarato, con riferimento a ciascuna dichiarazione omessa.

Rimborso – Per evitare di incorrere in sanzioni, è più prudente, anziché togliere dalla bolletta l'importo dell'abbonamento, pagare l’intera fattura e domandare il rimborso all'Agenzia delle entrate, dichiarando il motivo per cui si ha diritto all’esenzione; per approfondimenti, si veda: Canone Rai, come chiedere il rimborso online. Il rimborso viene effettuato dalle imprese elettriche con accredito sulla prima fattura utile o con altre modalità, entro 45 giorni dalla ricezione delle informazioni da parte delle Entrate. Se il rimborso non va a buon fine, ci pensa direttamente l'Agenzia.