Foto di Massimo TamajoA seguito delle più recenti fasi di attività dell’ Etna, nel pomeriggio di ieri, il Prefetto Maria Guia Federico, d’intesa con il Capo del Dipartimento Nazionale della Protezione Civile, Prefetto Franco Gabrielli, ha convocato una riunione alla quale hanno preso parte autorevoli rappresentanti del medesimo Dipartimento, del Dipartimento regionale della Protezione Civile, della Provincia di Catania, delle Forze di polizia, dei Vigili del Fuoco, del Corpo Forestale dello Stato e dell’Istituto di Vulcanologia di Catania, dedicata ad un’aggiornata valutazione della complessiva situazione del vulcano.
etna04Al riguardo si è ritenuto opportuno confermare la vigente ordinanza che limita l’accesso alle parti sommitali del vulcano entro quote altimetriche prudenziali introducendo in aggiunta l’interdizione assoluta dell’intera Valle del Bove sul versante sud-est nonchè del sentiero che si diparte dalla località Fontanelle – Case Fichera, ricadente nel territorio del Comune di Milo, posto alla quota di 1240 m, sul livello del mare. Presso le citate località sono stati inoltre istituiti appositi presidi di vigilanza e di controllo a cura delle Forze di polizia e delle Polizie locali.Gli sviluppi della situazione continuano ad essere costantemente monitorati.

Intanto in base alle osservazioni visive e strumentali dei fenomeni e ai comunicati dei Centri di Competenza del Dipartimento, il Centro Funzionale Centrale per il Rischio Vulcanico ha emesso un nuovo avviso, mantenendo un livello di criticità elevata per l’area sommitale e criticità ordinaria nel medio versante, pedemontana e urbana. Il Centro Funzionale Centrale per il Rischio Vulcanico del Dipartimento della Protezione Civile continua l’attività di vigilanza attraverso i Centri di Competenza, la Regione e i presidi territoriali, impegnati nel monitoraggio e la sorveglianza.

Peppe Caridi