Treni ad alta velocità con i fondi del Pnrr e investimenti nelle stazioni. Continua la cosiddetta “cura del ferro” in Sicilia, che mira al potenziamento della rete ferroviaria. L’annuncio di Vera Fiorani, AD e direttore generale di Rfi.

Il progetto di Ferrovie per la Sicilia

«Con i fondi del Pnrr, il piano nazionale di ripresa e resilienza, dovremmo essere in condizione di realizzare la linea ferroviaria Palermo-Messina-Catania in cinque-sei anni con treni che viaggeranno ad una velocità di 200 chilometri orari». Queste le parole di Fiorani, presente all’inaugurazione della nave Iginia al porto di Messina.

Iginia è entrata in servizio da oggi, 8 marzo. Con un investimento di 7 milioni di euro del Pnrr, è stata dotata di propulsione green per il collegamento tra Calabria e Sicilia.

«Inoltre stiamo lanciando una gara per un’altra nave green nello Stretto che sarà interamente ibrida e che abbiamo commissionato ad una società spagnola», ha anticipato Fiorani, che ha aggiunto: «C’è qualche problema su questa aggiudicazione e stiamo valutando se confermarla o meno».

«E poi abbiamo lanciato la gara che è in corso per tre navi veloci green della controllata di rete Blue jet. Stiamo realizzando infine nelle stazioni dello Stretto – Messina Centrale, Messina Marittima, Villa San Giovanni e Reggio Lido – un piano di investimenti estremamente importante che le riqualificherà . La fondazione di ferrovie creerà anche hub museo in quella bellissima struttura dove ci sono mosaici artistici alla stazione Marittima di Messina».

Gli investimenti per migliorare l’attraversamento dello Stretto rientrano tra gli interventi di potenziamento e miglioramento delle infrastrutture e della mobilità di Calabria e Sicilia.

In tutto, considerato l’insieme delle risorse del Pnrr, del Pnc, dell’ultima Legge di Bilancio e dell’anticipazione del Fondo Sviluppo e Coesione, su un totale di investimenti del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili previsti nei prossimi anni pari a circa 104 miliardi di euro, per la Calabria gli investimenti ammontano a quasi 7 miliardi di euro. Una cifra analoga è destinata alla Sicilia.

Questi interventi comprendono quelli per l’alta velocità (Palermo-Catania-Messina e Salerno-Reggio Calabria), le ferrovie regionali e i porti, il rinnovo del parco autobus per il trasporto pubblico locale, il potenziamento della mobilità ciclistica, il rafforzamento delle Zone economiche speciali (Zes), il miglioramento di strade provinciali, ponti e viadotti, l’edilizia residenziale pubblica e la rigenerazione urbana.

Foto: Jim McDougallLicenza.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati