In vista del prossimo G7, previsto per il 26 e 27 maggio a Taormina, la città ionica avrà la sua elisuperficie permanente. Lo ha deciso il consiglio comunale approvando la variante allo strumento urbanistico richiesta dalla conferenza di servizi del G7 per realizzare un punto di atterraggio nei campetti annessi alla piscina comunale di contrada Bongiovanni. L'assemblea ha ribadito che non vi sono oneri da attribuire proprio a Palazzo dei Giurati ma le spese dovranno essere interamente a carico del governo nazionale.

Incassato il via libera, si attenderà la ratifica della conferenza di servizi aggiornata a mercoledì presso la sede della prefettura di Messina. Poi dovrebbe essere avviata la fase operativa. Sono attesi i militari del genio dell'Aeronautica per realizzare le opere necessarie. Si dovranno ristrutturare anche le strade di accesso alle piste eliminando problemi atavici come piccole frane ed avvallamenti. Per consolidare il tetto della piscina saranno spesi 220mila euro.