Gianvito Gaglio, chef dei “Giardini del Massimo” di Palermo, celebra a Talk Sicilia la terza Stella Michelin di Antonino Cannavacciuolo. Gaglio, originario di Cinisi, ha condiviso con il grande Antonino ben quattro anni, nel segno del rigore, della crescita professionale e di una nuova visione della cucina.

Gianvito Gaglio racconta Antonino Cannavacciuolo

La terza stella Michelin è un risultato professionale prestigioso e importante, che conferma il ruolo di rilievo di Cannavacciuolo nel panorama della ristorazione internazionale.

“È il sogno di una vita – spiega Gaglio a Talk Sicilia -. L’obiettivo di ogni chef di cucina, quindi, per chi ha la terza stella Michelin, l’ultimo obiettivo da raggiungere è essere acclamato come il migliore al mondo”. Per quattro anni lo chef originario di Cinisi ha lavorato a Villa Crespi, il ristorante di Cannavacciuolo, vero tempio della cucina italiana.

“Cannavacciuolo è una persona molto esigente, ma ha anche un grandissimo cuore. È stato ed è anche un maestro di vita. Oltre agli insegnamenti di cucina, chef Antonino e il suo staff hanno elargito insegnamenti di crescita professionale e umana”.

L’esperienza a Villa Crespi

Gianvito Gaglio entra a Villa Crespi come stagista, dopo aver studiato da Alma, la scuola internazionale di cucina italiana in provincia di Parma. Proprio durante il primo giorno a Villa Crespi incontra Cannavacciuolo: “E tu chi sei?”, chiede lo chef al giovane siciliano, appena entrato nella brigata. Segue un percorso di quattro anni, che ha avuto un ruolo fondamentale nella formazione e nella visione di Gaglio.

“Quando sono andato via Chef Cannavacciuolo era un po’ commosso: sapevo che stavo tornando a casa e credo che un po’ si sia rivisto in me”, racconta ancora il siciliano, nel video pubblicato da BlogSicilia.

“La storia di Cannavacciuolo – spiega – è il paradigma del mondo della cucina. Suo papà era professore ed anche cuoco. Lui ha iniziato a lavorare in cucina sin da piccolo. Si comincia dal basso, le scorciatoie non esistono. È vero che si comincia dal pelare le patate”.

“Con coraggio e passione è arrivato nella cucina del Quisisana di Capri, dove all’epoca c’era Gualtiero Marchesi, lo chef che ha proiettato la cucina italiana in una dimensione moderna e internazionale. Poi ha fatto esperienza in Francia, una tappa fondamentale per comprendere cosa significhi cucinare ad altissimo livello”.

Le regole del successo sono impegno, passione e sacrificio. Adesso Cannavacciuolo è nell’Olimpo mondiale della cucina: “Se lo merita tutto” continua Gaglio, che aggiunge: “grazie a lui ho imparato anche a vedere la cucina in una gestione manageriale. Attenzione al food cost, lotta agli sprechi e soprattutto grande attenzione alle materie prime del territorio“.

Adesso Gianvito Gaglio è lo chef dei Giardini del Massimo, nel cuore di Palermo: “Arte, cultura e cucina fanno parte di un’unica sinfonia. E se questa sinfonia si suona a Palermo come posso non essere felice?”, conclude a Talk Sicilia.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia