Alla scoperta della Grotta Abisso del Vento.

  • Si trova nel territorio di Isnello, nel Parco delle Madonie.
  • Le ricerche condotte fino a oggi hanno rivelato una delle grotte più complesse ed estese della Sicilia.
  • Si sviluppa per circa 2 chilometri, con una profondità di circa 220 metri, su più livelli sovrapposti

Oggi visitiamo un luogo della Sicilia accessibile a pochi, in cui solo i più esperti possono avventurarsi. L’Abisso del Vento si trova nel territorio di Isnello (PA), alle pendici di Cozzo Balatelli, dentro il Parco delle Madonie. Le prime segnalazioni sulla grotta sono a firma di C. Grisanti, che riferì di un forte “scroscio” d’acqua che si poteva ascoltare accostando l‘orecchio alla roccia. Il rumore, in realtà, non era prodotto dall’acqua, bensì dall’aria. Una forte corrente, infatti, percorre la prima strettoia prossima all’ingresso: da questa caratteristica deriva il nome della cavità.

Per conoscere meglio gli ambienti sotterranei della Grotta Abisso del Vento si dovette aspettare il 1972. In quell’anno, infatti, gli speleologi del Club Alpino Italiano (sezione di Cefalù), effettuarono le prime esplorazioni. In quell’occasione di trovò anche una tomba risalente alla prima metà dell’Eneolitico, con diversi reperti archeologici.

Le ricerche condotte fino a oggi hanno rivelato una delle grotte più complesse ed estese della Sicilia. Si sviluppa per circa 2 chilometri, con una profondità di circa 220 metri, su più livelli sovrapposti, costituiti da gallerie e grandi saloni. Gli ambienti sono raccordati da pozzi verticali che si susseguono. L’andamento e la disposizione dei vani è fortemente condizionata dalle direzioni delle principali fratture dell’ammasso roccioso. La grotta è priva di scorrimento idrico.

Specialmente nei rami più profondi ci sono importanti concrezionamenti, come cannule, stalattiti, meduse, stalagmiti e colate calcitiche. Ci sono anche depositi di fango rossastro, ancora in fase di studio. L’accesso è consigliato a speleologi ben preparati tecnicamente e allenati fisicamente. L’ingresso, inoltre, è su proprietà privata.

Foto

Articoli correlati