Ecco i nomi degli chef siciliani premiati con l'ambito riconoscimento insito nella classifica della Guida Michelin.

  • Giuseppe Costa de Il Bavaglino di Terrasini
  • Tony Lo Coco de I Pupi di Bagheria
  • Crescenzo Scotti del ristorante Il Cappero del Therasia Resort nell'Isola di Vulcano

Segnalati quindi i ristoranti di Terrasini, Bagheria e Vulcano e confermate tutte le altre posizioni da una e due stelle in Sicilia. 

IDENTIKIT DEGLI CHEF SICILIANI PREMIATI DALLA GUIDA MICHELIN

GIUSEPPE COSTA

Originario di Montelepe ma si è formato in giro per l'Italia. Dapprima ha cucinato nel famoso ristorante trentino "Scrigno del Duomo" poi è passato dal bistellato Rosselinis nella costiera amalfitana. Non per ultimo ha collaborato al fianco di Carlo Cracco proprio a Milano. 

Costa ha impiegato circa 6 anni per perfezionarsi nell'alta cucina, sino a raggiungere oggi uno dei traguardi più ambiziosi che tutti gli chef vorrebbero raggiungere. Della sua Sicilia dice: "La Sicilia per me è vita, territorio, racconto. Un racconto che si affaccia sul golfo di Terrasini”.

TONY LO COCO

Palermitano di nascita ma di adozione Bagherese. Autodidatta. Da molti anni si diletta in cucina con piatti elaborati e minuziosa attenzione ai dettagli. Nel 2009 lancia i Pupi di Bagheria, un locale fine, energico, passioanle, che opta per la sola armonia dei sapori. Creativo, silenzioso, accattivante e mai invadente, ha stravolto il palato dei suoi clienti. Il tutto ha permesso a Tony di confezionare un sogno, quello di ricevere l'ambito riconoscimento dalla Guida Michelin, volta ad individuare le eccellenze gastronomiche in Italia. 

CRESCENZO SCOTTI

Originario di Ischia, è passato da un'isola all'altra. Dal 2011 è infatti alla guida della cucina de "Il Cappero" nell'Isola di Vulcano. Un ristorante di classe, che si affaccia con una bellissima terrazza sul mare, disposta su due livelli.