Il cioccolato di Modica è un prodotto lavorato ancora oggi con un antico procedimento artigianale che lo rende unico nel nostro Paese. Anche se nell’immaginario collettivo il cioccolato sembra provenire esclusivamente dalla Svizzera e dal nord Europa, a Modica se ne produce una varietà pregiata e preziosa che tutti dovrebbero conoscere. Il cioccolato di Modica è preparato con una ricetta millenaria che fonda le sue radici nel dominio spagnolo e che si conserva intatta ancora oggi.

Il metodo Azteco per la produzione del Cioccolato di Modica

Il metodo di preparazione risale all’antichità, al dominio spagnolo del XVI secolo per l’esattezza. La Contea di Modica era un importantissimo feudo a quei tempi e sovrastava tutto il centro Italia sul finire del 1300. Gli spagnoli, probabilmente, portarono la ricetta della lavorazione del cioccolato che però non era di loro proprietà ma di appartenenza Azteca. Non a caso trovi cioccolato simile a quello di Modica sia in Messico che in Guatemala.

Modica, la città di Ercole

Modica è un comune situato su un altopiano sulla punta più a sud della Sicilia e sorge tra due fiumi che incorniciano il comune e lo dividono in quattro colli. Nella parte più alta di Modica sorge il castello spagnolo che si affaccia sul resto del comune. Il paese è caratteristico per la distribuzione delle abitazioni in grotte e rocce abitate fin dall’antichità. Lo stile Barocco primeggia a Modica assieme a ritrovamenti datati oltre quattromila anni tanto che l’Unesco ha dichiarato questa città come Patrimonio dell’Umanità. In antichità Modica era la citta di Ercole e ha visto avvicendarsi greci, arabi, romani e i popoli che piano piano hanno portato il nostro Paese a diventare una nazione nella modernità. Nonostante il passare del tempo il cioccolato di Modica è rimasto una importante valore costante del posto che ogni abitante conosce ed onora come fosse un vanto personale.

La preparazione del cioccolato di Modica

Il Cioccolato di Modica è chiamato nella sua forma dialettale “ciucculatta muricana” ed è il vero vanto della comunità locale. Grazie alla sua antica lavorazione a freddo si presenta di consistenza friabile, granulosa e opaca. La colorazione è scura, bruna e intensa. Un cioccolato così si ottiene con la macinazione dei semi a meno di quaranta gradi con aggiunta sapiente di zucchero e spezie come cannella e vaniglia. La lavorazione garantisce una presenza di cacao che si aggira tra il 60% ed il 90%, per cui il cioccolato di Modica è puro e naturale. La lavorazione passa anche per una spianata a mano su una superficie in pietra lavica calda tramite un mattarello in pietra e senza mai superare i quaranta gradi.

La bassa temperatura preserva qualità, gusto e nutrienti

Le basse temperature lasciano i granelli dello zucchero intatti e conferiscono la consistenza pastosa tipica, pronta per essere riposta nelle formelle di latta per la solidificazione. La barretta avrà quindi un aspetto sì lucido ma interessato da scanalature e aree opache con riflessi bruni e grezzi. La vera grandezza del cioccolato di Modica risiede proprio nella lavorazione semplice che dona una consistenza friabile e gradevole al palato ma non solo. Ad ogni assaggio sentirai lo zucchero in cristalli ed il sapore deciso del cioccolato che non è lavorato con latte, grassi vegetali o altri addensanti e per cui ha un gusto al 100% naturale. Per assaggiarne una barretta, trovi ottime varietà di Cioccolato biologico di Modica qui.

Modica e il suo amore per il cioccolato

Il Cioccolato di Modica è protetto da un consorzio di tutela che mira a renderlo IGP con la “candidatura” tra i prodotti agroalimentari tradizionali. Inoltre sono stati promossi eventi e manifestazioni per promuovere il cioccolato di Modica nel mondo con varie collaborazioni all’Eurochocolate e al ChocoModica. Essendo lavorato con tale semplicità questo cioccolato si rivela anche benefico per la salute dato che il processo a freddo lascia intatte tutte le proprietà nutritive del cacao, tra cui i flavonoidi che sono potenti antiossidanti. Il cioccolato di Modica è gustoso, fa bene ed è amato da grandi e piccini.

La tradizione, la naturalezza e il valore del cioccolato di Modica

Si tratta di uno dei tanti prodotti tradizionali del nostro Paese che sempre più persone ricercano per rimpiazzare le produzioni industriali intensive ricche di conservanti e aromi artificiali. Il cacao utilizzato in semi proviene da Sao Tomè, una isola africana a due passi dall’equatore che è attraversata da un’imponente catena vulcanica che la rende rocciosa e ricca di rocce e coralli dall’aspetto davvero singolare. Qui nascono le piante di cacao che verranno impiegate per la lavorazione del cioccolato di Modica, in mezzo ad una natura incontaminata e selvaggia. La tostatura, la macinatura e la lavorazione avvengono ancora oggi manualmente ed è la ragione per cui il suo aspetto appare così grezzo ed imperfetto.