L'autorevole agenzia di stampa Associated press ha documentato l'esistenza di 72 fosse comuni realizzate dall'Isis in Iraq e Siria e prevede che altre verranno alla luce sulla scia della ritirata del gruppo. I dati sono frutto di interviste esclusive, fotografie e ricerche. In Siria l'Ap ha ottenuto l'ubicazione di 17 fosse comuni, inclusa una con centinaia di corpi di una singola tribù.

Il totale dei morti, secondo le stime dell'agenzia, oscilla tra 5.200 e oltre 15.000. Per almeno 16 fosse comuni in Iraq le autorità non provano neanche a dare una stima del numero dei corpi che contengono e scavarle adesso sarebbe troppo pericoloso.

Alcune fosse si trovano su territorio sottratto all'Isis dopo l'attacco del gruppo contro la minoranza Yazidi nell'agosto del 2014, altre si trovano nella terra di nessuno ancora in mano all'Isis. Delle 72 fosse comuni documentate dall'agenzia, la più piccola contiene tre corpi e si ritiene che la più grande ne contenga migliaia, ma come detto è impossibile stabilirne il numero esatto.