PALERMO – Musica a tutto volume fino alle 5 del mattino, scippi, risse con tanto di bottiglie di vetro rotte: sono solo alcuni dei motivi per i quali le proprietarie del noto bistrot Le Freschette, situato nel centro di Palermo, chiuderanno il venerdì, il sabato e la domenica a cominciare dal prossimo weekend. Il bistrot continuerà a lavorare a pranzo dal martedì alla domenica e per le cene di martedì, mercoledì e giovedì.

"Da un anno a questa parte la situazione in zona è peggiorata. Se ne sono accorti anche i nostri clienti che hanno deciso di non venire più nel nostro locale nel weekend. Noi proponiamo un messaggio di benessere e tranquillità che però è circondato da altre attività che non rispettano le ordinanze comunali né le leggi della civile convivenza", spiega al "Giornale di Sicilia" una delle proprietarie, Marina Scalesse.

Ieri l’assessore alle attività produttive del Comune di Palermo, Giovanna Marano, ha convocato le proprietarie negli uffici del Suap e ha assicurato che ci saranno controlli da parte dei vigili urbani per far rispettare gli orari di emissione della musica e l’occupazione irregolare del suolo pubblico nella zona. "L’assessore ha cercato di contattare in nostra presenza anche il capo di gabinetto della Questura che in quel momento non era reperibile, ma ci ha promesso che avrebbe personalmente segnalato la situazione di degrado del quartiere che anche altri cittadini residenti denunciano da anni", dicono le titolari.

Le proprietarie del locale hanno inviato mail attraverso la posta certificata per denunciare la situazione al questore di Palermo, al commissariato di polizia di via Roma e ai carabinieri.