É stato arrestato un giovane 33enne di Torre Santa Susanna, in provincia di Brindisi per estorsione, truffa e una violenza privata.

L’uomo circuiva alcune donne per poi chieder loro denaro minacciandole di pubblicare le loro foto hard sul web. I reati sono stati commessi tra l'ottobre 2017 e il febbraio 2018, nei riguardi di dieci donne di varie regioni del territorio nazionale: Veneto, Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Sardegna e Puglia.

L’uomo agiva sempre allo stesso modo: si presentava sotto un falso nome  'Emanuele', presentandosi con un profilo rassicurante, sereno, in cerca di amicizia e di una storia d’amore. Fingeva di essere un bancario single per comunicare un'immagine di sé stabile, di uomo serio per conquistare così la fiducia delle vittime ottenendo l'invio di foto che le ritraevano nelle parti intime. 

Una volta entrato in possesso delle foto svelava la sua identità  ricattandole con richiesta di denaro le vittime. Si trattava di somme tra i 200 e i 300 euro. Le somme di denaro che l’uno chiedeva sono confluite sulla carta postepay di una ex fidanzata dell'arrestato, estranea alla vicenda, che ne ha consentito l'uso. Lui invece contattava le vittime tramite due schede telefoniche. L'esame delle ricariche relative alla carta postepay ha consentito l'individuazione di tutte le vittime delle estorsioni.

Ma non finisce qui, perchè il giovane tramite il sito commerciate subito.it ha fregato altre vittime pubblicando un annuncio dove metteva dei cani di razza in vendita. Tramite whatsapp inviava foto degli animali per rendere l'offerta credibile, e si faceva accreditare in più frazioni, come acconto per le prenotazioni, somme che variavano dai 100 ai 200euro. Dopo aver incassato il denaro non si presentava all'appuntamento per la consegna dei cuccioli.