Le donne più anziane fanno figli più sani e intelligenti. A dimostrarlo è una ricerca pubblicata sulla rivista "Population and Development Review" da Kieron Barclay e Mikko Myrskylä.

Gli scienziati hanno utilizzato i dati di oltre 1,5 milioni di uomini e donne svedesi nati tra il 1960 e il 1991 per esaminare la relazione tra età materna al momento della nascita, altezza, forma fisica e livello di istruzione dei bambini. I risultati hanno rivelato che le madri che al momento del concepimento avevano 40 anni o più hanno avuto bambini più sani, più alti, con voti migliori alla scuola superiore e con più probabilità di andare all'università. Hanno spiegato, infatti, che la buona forma fisica e l'altezza sono un buon indicatore della salute generale e il livello di istruzione è un fattore determinante per la realizzazione professionale.

I ricercatori, poi, hanno confrontato fratelli nati da stessi genitori e che sono cresciuti nello stesso ambiente domestico. "Confrontando i fratelli che sono cresciuti nella stessa famiglia è stato possibile individuare l'importanza di età materna al momento della nascita indipendentemente da altri fattori che potrebbero falsare i risultati", ha detto Barclay.

Parte della ricerca ha però confermato che una maternità in età avanzata accresce le probabilità di avere figli con la sindrome di Down, l'ipertensione e il diabete, o figli che svilupperanno l'Alzheimer. Ad ogni modo, "i benefici connessi con l'essere nati da una madre in avanti con l'età superano i singoli fattori di rischio. Abbiamo bisogno di sviluppare una prospettiva diversa riguardo all'età del concepimento", hanno concluso gli scienziati.