Lino Banfi nella bufera. L'attore pugliese è entrato nel mirino dei social dopo il suo intervento a DiMartedì, il talk show di La7. Nel corso di una lunga intervista condotta da Giovanni Floris, Banfi si è soffermato anche sulla situazione di Roma, dove vive da anni. "Parliamo tutti di questa caput mundi che è bella, però c'è un degrado ragazzi… Ogni sindaco di Roma appena arriva dice 'ho trovato un casino; adesso faremo di più'. Ma qui di più ci sono solo i topi e sono più pesanti". 

Le sue parole sono immediatamente rimbalzate sul web e hanno scatenato critiche e commenti di ogni genere. Ed è così che Lino Banfi è diventato un "lurido strumento" della politica, un venduto, un corrotto. "Dopo questa marchetta a DiMartedi, Banfi resterà nonno, ma non sarà mai più Libero", scrive un utente su Twitter. "Ti sei prestato a una LURIDA STRUMENTALIZZAZIONE in campagna elettorale… ne valeva la pena, poveraccio??", si legge tra i commenti sulla pagina Facebook dell'attore.

E ancora: "VERGOGNATI!!! E così anche Lino Banfi fa propaganda per il PD dando la colpa alla Raggi, che è al Campidoglio soltanto dal 22 giugno 2016, di decenni di degrado urbano". "Mi sa che ieri sera ti sei giocato l'affetto di un terzo degli italiani", si legge tra i tanti commenti che campeggiano sulle pagine social del comico pugliese.

IL VIDEO: