Lo zucchero Eridania sta per diventare francese. Il gruppo industriale Maccaferri, infatti, ha raggiunto un accordo per passare la mano all'azienda d'Oltralpe Cristal Union, che già deteneva il 49% della società. L'operazione prevede che la controllata del gruppo Maccaferri Eridania Sadam ceda il suo 51% di Eridania Italia a Cristal Union che già detiene il restante 49%. Il closing dell'operazione è atteso per fine luglio.

L'operazione "si inquadra nel processo di concentrazione in atto a livello europeo, in vista dell'abolizione delle quote di produzione nazionali a partire da ottobre 2017", spiega una nota del gruppo italiano. "Per il gruppo industriale Maccaferri, che controlla Eridania Sadam si è trattato di una scelta non facile, ma giustificata dall'evoluzione della normativa Ue che, con la piena liberalizzazione del mercato dello zucchero, consentirà un'espansione della produzione da parte delle imprese saccarifere operanti nell'Europa continentale, a scapito dei Paesi, quale l'Italia, caratterizzati da condizioni meno competitive", si legge ancora.

Eridania Sadam resta comunque presente nel settore agroalimentare con le attività svolte da Naturalia Ingredients (zucchero da uva) e, nel settore dei dolcificanti con il marchio Tic, nell'ambito di un disegno volto a uscire dal settore commodity, concentrandosi sullo sviluppo di prodotti a maggior valore aggiunto. 

Eridania Sadam ha chiuso il 2015 con un fatturato di 355 milioni di euro e fa parte del gruppo Maccaferri che conta ricavi per 1,2 miliardi nelle sue diverse attività industriali che spaziano dal celebre sigaro Toscano all'immobiliare, passando per energia, meccanica e agroalimentare.