Il maltempo sta mettendo in ginocchio la Sicilia: allagamenti e traffico in tilt a Palermo, frane e strade chiuse nella zona di Ficuzza, scuole chiuse e massi caduti e in provincia di Agrigento. Nel capoluogo la forte pioggia ha provocato nuovi allagamenti per le strade della città, con automobilisti bloccati in via Ugo La Malfa che hanno chiesto l'intervento dei pompieri per essere liberati. Così come accaduto nei giorni scorsi, le precipitazioni hanno mandato in tilt il traffico oltre che nei pressi dell'assessorato regionale al Territorio anche in via Imera, in piazza Indipendenza e a Mondello.

A causa delle forti piogge una frana si è staccata dal costone roccioso nella zona di Ficuzza e Corleone, bloccando il transito sulla strada statale 118. Sono intervenuti gli operai dell'Anas e i carabinieri che hanno segnalato il movimento franoso alla sala della protezione civile regionale. Diverse squadre sono impegnate per ripristinare la circolazione.

È esondato il fiume Salso, a Licata, nell'Agrigentino. Il settore Infrastrutture Stradali del Libero consorzio comunale ha già chiuso al traffico, con provvedimento d'urgenza, due strade provinciali: la numero 38 Licata – contrada Cascino – Montesole – statale 115 e la provinciale 67 Licata – Poggio Carrubbella – Pisciotto – Torre di Gaffe. Il transito delle auto è assolutamente interdetto e lo resterà fino a cessata emergenza.

Massi caduti e strade chiuse anche in provincia di Agrigento e, in particolare sulla strada statale 118, tra Cianciana e Raffadali, sulla provinciale 22 Stazione Campofranco e sulla statale 180, Agrigento – Palermo. Sulla strada statale 118 'Corleonese Agrigentina", i massi sono caduti vicino al km 106,000. Le deviazioni sono segnalate in loco. Situazione drammatica sulla Strada Provinciale 22 Stazione Campofranco (SS189) – Cozzo Disi – Casteltermini, che da ieri è stata ufficialmente chiusa al traffico dal km 1+050 al km 2+430, in seguito al distacco di un grosso masso e di materiale terroso da un costone roccioso sovrastante la strada.

Oltre al danno diretto riportato dalla carreggiata, il sopralluogo eseguito dai tecnici e dai cantonieri del Libero Consorzio ha evidenziato il concreto rischio di ulteriori distacchi dal costone, con gravissimi rischi per la sicurezza di quanti percorrono quotidianamente questa strada di collegamento tra il comprensorio di Casteltermini e la Strada Statale n. 189 Agrigento-Palermo. I tempi di chiusura si prospettano molto lunghi, non essendoci alcuna disponibilità finanziaria per la messa in sicurezza dell'imponente costone che sovrasta quel tratto della SP n. 22. Per raggiungere la SS 189 il percorso alternativo è costituito dalla SP n. 21 Passofonduto-Casteltermini.