È morto Maurizio Zamparini. L’ex presidente del Palermo Calcio aveva 80 anni. Amato e contestato, ha indubbiamente scritto importanti pagine della storia del club calcistico.

Maurizio Zamparini è morto: era ricoverato in ospedale

L’ex patron del Palermo Maurizio Zamparini è morto intorno alle due della notte dell’1 febbraio, nella stanza dell’ospedale di Cotignola, in provincia di Ravenna. Era ricoverato da alcuni giorni e le sue condizioni erano precarie. Non ha retto al trauma per la morte dell’amato figlio Armandino, avvenuta qualche mese fa, e alle pressioni fisiche degli ultimi mesi.

Dalla serie B all’Europa League e anche fino alla finale di Coppa Italia: sotto la sua presidenza il Palermo ha collezionato alcuni risultati molto importanti. Al momento del suo arrivo in città, ha conquistato i tifosi. La promozione in A al secondo anno di gestione fu accolta con grandi festeggiamenti.

Dopo la cessione del Palermo, attraverso una nota della società, ha detto: «Ogni volta che scendo a Palermo sento l’affetto e la riconoscenza della gente palermitana; quando cammino in ogni città europea ricevo la dimostrazione di riconoscenza e affetto di tutti i palermitani che sono emigrati in Europa e nel mondo. Riconoscenza per tutti i risultati sportivi che hanno dato al Palermo dopo il mio arrivo un contributo per una immagine diversa e attinente alla realtà di gente generosa, corretta e con una cultura millenaria».

Poi il suo saluto: «Pur con la diversità di un uomo del Nord ho amato e amo la vostra città ed i vostri costumi. Ogni volta che tornerò vorrei essere accolto come uno di voi. Con profonda tristezza e molto affetto vi saluto».

Un percorso, il suo, segnato da esoneri, grandi campioni in maglia rosanero e successi imprenditoriali. Amava vedere il calcio e parlarne e aveva legato a quel mondo la sua vita. A questo affiancava l’attività in tanti settori, dal commerciale all’immobiliare. La fine del suo rapporto con il Palermo e con la città non è stata idilliaca, tra tante contestazioni e critiche da parte dei tifosi.

Gli stessi tifosi, però, non hanno esitato a stringersi intorno al presidente quando è venuto a mancare il suo amato figlio. In un’ultima intervista radiofonica, ha detto: «Un uomo non dovrebbe mai assistere alla morte del proprio figlio». Un dramma che ha vissuto in prima persona, un dolore che si è rivelato forte almeno quanto una patologia. Foto da video: YouTube.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati