ImmagineCaldo addio, almeno per una settimana e probabilmente anche di più. Le temperature roventi di queste ultime ore non torneranno almeno fino a dopo metà luglio in Sicilia, dove oggi nelle zone interne qualche località ha addirittura sfondato il muro dei +40°C e molte zone hanno superato i +37/+38°C con picchi di +39°C. Notevoli i +38°C di Campofranco e Lentini: temperature elevate, anche se non certo eccezionali per la Sicilia in piena estate. Nelle principali città, la colonnina di mercurio s’è mantenuta su valori ben più moderati: +28°C a Palermo, +30°C ad Agrigento, +31°C a Catania e Siracusa,+32°C a Messina, +33°C a Trapani, +34°C a Ragusa, Enna e Caltanissetta.

MS_1538_ensUn caldo che da domani diventerà un lontano ricordo: sarà un martedì 8 luglio di svolta, con temperature in picchiata sin dalla mattinata soprattutto nelle zone tirreniche, venti in rinforzo da ovest e molte nubi in cielo. Le temperature si abbasseranno ulteriormente in settimana, raggiungendo tra venerdì 11 esabato 12 luglio i valori più bassi, 6-7°C sotto le medie del periodo. Proprio tra venerdì e sabato arriverà anche un po’ di maltempo con piogge e temporali nelle zone tirreniche, specie tra palermitano e messinese, in attenuazione da domenica. Attenzione anche ai forti venti di ponente e maestrale: nelle zone costiere si verificheranno delle intense mareggiate che potrebbero provocare danni alle struttura balneari. Totale stravolgimento dell’atmosfera, si passerà dalla cappa afosa con tanta sabbia del Sahara di questo giorni dal clima tipicamente africano, ad un clima limpido, con aria tersa e visibilità ottima per un’atmosfera fresca, pulita e dall’aria “frizzantina” nelle ore serali e notturne. In un’estate che continua a fare le bizze…

Per monitorare la situazione in diretta potete scorrere le nostre news in tempo reale e le pagine del nowcasting: satellitisituazionefulminazioniradar e webcam. Sulla nostra pagina di facebook trovate ulteriori aggiornamenti e potete interagire con la Redazione inviando foto, segnalazioni o qualsiasi tipo di riflessione. Se volete, scriveteci e inviateci le foto anche all’indirizzo di posta elettronica, redazione@meteoweb.it.

Peppe Caridi