È entrato in servizio con un viaggio inaugurale nella tratta Stesicoro – Giovanni XXIII il terzo dei nuovi 10 treni di ultima generazione acquistati dalla Regione Siciliana per la metropolitana di Catania. Il mezzo è stato battezzato “Carmela” e arriva dopo “Agata” e “Barbara”.

Entra in funzione a Catania il nuovo treno Carmela

“Consegniamo alla città ‘Carmela‘, il terzo dei 10 nuovi treni di ultima generazione che abbiamo acquistato per la metropolitana di Catania“, ha detto l’assessore alle Infrastrutture, Marco Falcone.

“I primi due treni sono già operativi da qualche mese, riscuotendo l’apprezzamento unanime dell’utenza e determinando un balzo in avanti su efficienza e qualità del servizio metropolitano etneo. La Regione è realmente protagonista ormai da cinque anni del rinnovamento della mobilità su ferro in Sicilia“, ha aggiunto Falcone.

“Carmela” è il terzo dei dieci elettrotreni che la Regione ha comprato per ammodernare la flotta viaggiante nella metropolitana di Catania. Le restanti nuove unità verranno immesse in servizio nei prossimi mesi, una ogni 45 giorni.

La fornitura è stata finanziata dal dipartimento regionale delle Infrastrutture con le risorse del Po-Fesr Sicilia 2014-2020, per un importo complessivo di 42 milioni di euro, sulla base di una convenzione con la Fce. Il costo di ogni treno è 3 milioni 630mila euro ed è stato avviato anche un secondo contratto per l’acquisto di altri 15 treni.

Le nuove unità di trazione sono progettate e costruite interamente da Titagarh Firema Spa. Hanno una lunghezza di 40 metri, con una capienza di 64 posti a sedere e 356 in piedi. Possono trasportare complessivamente 420 passeggeri, raggiungendo una velocità massima di 100 km/h. Le vetture hanno un sistema di informazione al passeggero con monitor su ogni porta e anche un sistema antincendio di ultima generazione, oltre a standard di sicurezza elevati.

“Negli ultimi quattro anni nell’Isola – ha aggiunto l’assessore Falcone – si è registrato un ammodernamento del materiale rotabile che ha pochi precedenti. Abbiamo acquistato oltre 50 nuovi treni per le linee regionali fra Pop, Blues e altri ancora – di cui la metà già in servizio – a cui aggiungiamo questi altri 10 convogli per Fce”.

“Ne gioveranno non solo i catanesi, ma anche i tanti turisti che affollano la città. Nel prossimo futuro – ha concluso – occorrerà imprimere nuovo slancio allo sviluppo infrastrutturale della metro, dopo i fondi che abbiamo ottenuto per la Stesicoro – Aeroporto e la Misterbianco-Paternò“.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati