Una sfilata di moda per celebrare sessant’anni di attività di una delle più note boutique di Palermo, le gi di Valentino, punto di riferimento dei più importanti brand di abiti da sposa e da cerimonia.

Domenica 9 ottobre, alle ore 19, via Ruggero Settimo si trasformerà in una passerella per condividere il prestigioso traguardo raggiunto dallo storico negozio, che nel tempo ha regalato emozioni e realizzato i sogni delle donne che non vogliono rinunciare all’eleganza e al glamour nel giorno più importante della loro vita.

La sfilata si aprirà con un abito vintage anni ‘80 nel segno di una tradizione che affonda le sue radici nella creatività e nella lungimiranza di Evelyne Aouate e Gianni Valentino, i primi a crederci; poi proseguita con le figlie Paola e Marinda, che hanno continuato a coltivare questa passione e ad investire in questo settore.

Oggi Alessandra e Marco raccolgono l’eredità di una gestione di successo in continua evoluzione, all’insegna della qualità, dello stile e della creatività, sempre nel rispetto della tradizione di famiglia.

“Abbiamo regalato sogni per sessant’anni alle donne che ci hanno scelto  – spiega Alessandra La Commare – e vogliamo continuare a farlo.
Siamo felici e orgogliosi di celebrare un traguardo così importante, che rappresenta uno stimolo per continuare a fare meglio, nel segno di una tradizione che continua e che ci dà la voglia e la forza di andare avanti con nuove idee e ambiziosi progetti per rendere le donne uniche ed indimenticabili”.

Le modelle saranno coordinate da Luca Lo Bosco / LLB Team mentre i momenti salienti saranno immortalati negli scatti fotografici di Alessio Falzone e di tutto il suo team. Le acconciature delle modelle saranno curate dall’hair-stylist Salvatore Bruno.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia