Multe per i genitori che pubblicano foto dei figli sui social network. Non più soltanto l'obbligo di rimozione, dunque, ma un salasso che può arrivare anche a 10.000 euro. È quanto stabilito dal tribunale di Roma con un’ordinanza del 23 dicembre 2017. A fare da apripista il caso di un ragazzino di 16 anni che ha chiesto "tutela" contro la madre, rea di postare sul web foto e commenti su di lui.

Si tratta di un precedente unico nel nostro paese per la tutela dei minori, anche se sono parecchie le decisioni che hanno costretto genitori a disattivare i profili social dei figli o a rimuoverne le foto pubblicate nelle proprie pagine. In aggiunta a quanto stabilito dal tribunale di Roma, le disposizioni che regolano la gestione dell’immagine dei minori entrano anche nelle condizioni per separazioni e divorzi.

Il riferimento giuridico che ha portato alla decisione è contenuto nell’articolo 96 della legge sul diritto d’autore, secondo la quale il ritratto di una persona non possa essere esposto senza il suo consenso, salve eccezioni. Senza contare che i minori godono di una tutela rafforzata data dall’articolo 16 della Convenzione sui diritti del fanciullo approvata nel 1989.