Nando Paone, Carlo Buccirosso, Maurizio Casagrande, Margareth Madè, Vincenzo SalemmeCINEMA (Silvio D’auria) – Vincenzo Salemme torna indietro di vent'anni e regala ai suoi fans la versione cinematografica della sua commedia piu' popolare e amata.

Stessi interpreti della fortunatissima tournee teatrale del 1994: Nando Paone, Carlo Buccirosso, Maurizio Casagrande, lo stesso Salemme, alcune aggiunte di spessore come Giorgio Panariello (che parla in perfetto dialetto romanesco), Margareth Made' e Paola Quattrini. Portare sullo schermo un'Opera Teatrale, per di piu' famosissima, e' sempre un rischio. Salemme lo sa bene, ma e' sicuro che la forza della sua commedia sia soprattutto negli interpreti. “Nel 2000 l'ultima tournee teatrale di '…e fuori nevica!', poi ognuno prese la sua strada alla ricerca del proprio successo” dice l’attore durante la conferenza stampa per l’uscita del nuovo film. Buccirosso, Paone e Casagrande sono, a detta di Salemme, il punto forte della commedia. "Il ritmo che c'e' sul palcoscenico e' lo stesso del film perche' sono gli attori e le relazioni che ci sono tra loro a crearlo – spiega -Questo e' un film di attori e io mi sono limitato a riprenderli".

La storia e' quella di tre fratelli di cui uno (Cico-Paone) e' affetto da una sorta di schizofrenia che lo rende estremamente eccentrico (interpreta molti personaggi costringendo i fratelli ad assecondarlo, adora il pure' e ama fare gli scherzi al fratello Enzo-Salemme, un cantante da crociera col vizio del gioco). Mentre il terzo (Stefano-Buccirosso), nevrotico e insicuro, e' fidanzato con una ragazza che scoprira' avere una doppia vita. Per volonta' testamentaria della madre, i tre devono vivere insieme per poter ereditare la casa. In un crescendo di battute, colpi di scena e giochi linguistici ormai diventati un classico (l'equivoco dell'avvocato Saponetta-Casagrande scambiato per spagnolo da Salemme e Buccirosso e' uno sketch cliccatissimo su youtube nella sua versione teatrale) si arriva all'epilogo finale che, stavolta, ha anche un post-epilogo che il regista di Bacoli spiega cosi': "In teatro, alla fine della piece, gli attori salutano. Nel cinema le cose vanno diversamente e, per dare il senso della commedia, ho dovuto fare una variazione".

Malgrado “… e fuori nevica!” sia un film tratto dal testo teatrale, Salemme ha realizzato qualcosa di diverso, ha voluto approfondire il carattere e lo spirito dei personaggi. Se in teatro il ritmo e la battuta travolgono gli spettatori, nella versione cinematografica viene dato maggior risalto all'aspetto umano e alla forza dei sentimenti. Temi come disabilita', eutanasia, famiglia, amore, sono protagonisti della pellicola al pari delle fulminanti battute inventate da Salemme. Il film, le cui musiche sono di Paolo Belli, e' distribuito da “Warner Bros Italia” in circa 280 copie, nelle sale da oggi 16 ottobre.

Silvio D'Auria su facebook: https://www.facebook.com/silvio.dauria.9