Luke Stone, 28enne britannico padre di tre bambini, è morto in circostanze ancora poco chiare. Il giovane era quasi ossessionato dalla palestra. Da quando aveva rotto con la sua compagna ci andava due o tre volte al giorno e a quanto pare da qualche tempo assumeva steroidi anabolizzanti. Alla fine Luke è morto a causa di un ictus.

La sua famiglia ha voluto raccontare la tragica storia del giovane per mettere in guardia altre persone sull’uso di anabolizzanti e farmaci non consigliati dai medici. Luke è morto il 5 aprile dello scorso anno dopo che, alcuni giorni prima, aveva avuto dei dolori al petto che lo avevano spinto a recarsi in ospedale. Gli esami avevano rivelato la presenza di un coagulo di sangue nel cuore. Le sue condizioni sono peggiorate fino al decesso.

"Spero di poter fermare almeno una persona che prende steroidi spiegando cosa è accaduto a Luke. Prendete solo ciò che vi dice il vostro medico", ha detto il padre Eric, che sapeva degli allenamenti in palestra di suo figlio ma che non aveva idea prendesse steroidi. Lo zio del giovane aveva detto al ragazzo che non era una buona idea prendere anabolizzanti per la crescita muscolare, ma lui non avrebbe dato retta a nessuno e, nella speranza di migliorare il suo fisico, ne avrebbe presi anche in quantità superiori a quelle raccomandate.

Dopo la sua morte la famiglia ha trovato le compresse che prendeva sotto al suo letto. "Aveva tre bellissimi bambini e non credo conoscesse i rischi dell’assunzione di steroidi perché altrimenti avrebbe smesso di prenderli", ha detto una parente.