Due suicidi, avvenuti a poche ore di distanza l'uno dall'altro, hanno sconvolto la lenta estate palermitana. C'è probabilmente la depressione dietro la decisione delle due vittime, un uomo di 54 anni e una donna di 78, che non si conoscevano, ma che si sono trovate a condividere un tragico destino.

Il primo episodio è avvenuto nella serata di martedì: un impiegato dell'esattoria di via Emanuele Morselli, nella zona della Fiera, ha scritto un bigliettino scusandosi con i parenti per l'estremo gesto, quindi si è impiccato con una corda.

Ieri pomeriggio, inveve, una donna di 78 anni si è lanciata dal balcone del quinto piano di un palazzo di via Salvatore Meccio, in pieno centro. Per lei non c'è stato nulla da fare. Tutto è accaduto all'improvviso, sotto gli occhi di alcuni passanti.