PALERMO – A Palermo una donna originaria dello Sri Lanka ha tentato di uccidere i suoi figli e di suicidarsi dopo aver litigato con il marito. L'uomo, in seguito all'alterco, era andato via di casa. E lei ha pensato di sterminare tutti con del veleno.

Per pranzo ha preparato una zuppa con tanti semi oleandro per lei e i suoi due figli. Nella pianta c'è una sostanza che se presa in grosse quantità provoca la morte. Lei ha dato da mangiare diversi cucchiai di minestra avvelenata al piccolo di un anno. E' lui che ha rischiato davvero di morire. Salvo per miracolo il figlioletto più grande che pare non sia arrivato a mangiare neppure un cucchiaio della minestra. La moglie abbandonata invece ha ingerito qualche cucchiaio della zuppa.

Il suo progetto è stato  bloccato dall’intervento della madre della donna, che è stata la prima a lanciare l’allarme non appena ha visto che il piccolo non dava segni di vita. I due figli sono ricoverati all’ospedale dei Bambini e il più piccolo è in rianimazione.

I sanitari del 118 sono riusciti a ritrovare l’antidoto nei magazzini dell’ospedale di Cefalù. Il bimbo più grande è in osservazione per verificare se effettivamente non ha ingerito la zuppa, ma le sue condizioni non sembrano gravi. La madre è ricoverata all’ospedale Civico. Concluso il periodo di osservazione in ospedale, la donna sarà arrestata dalla polizia con l'accusa di tentato omicidio.