PALERMO – A seguito di un'indagine lampo, la Polizia ha eseguito un provvedimento di custodia cautelare in carcere di un trentenne palermitano, responsabile di stalking nei confronti della sua ex compagna. L'intervento delle forze dell'ordine è stato tempestivo, in modo da prevenire ed evitare gravi conseguenze per la vittima.

L'uomo non si era rassegnato alla fine della relazione, durata un paio di anni, e il suo stato d'animo era sfociato in violenza psicologica e fisica nei confronti della ex partner. In pochi mesi è successo di tutto (anche se bisogna precisare che non tutti gli episodi siano riconducibili alla responsabilità dell'uomo).

Da pedinamenti ad appostamenti, al furto delle ruote dalla vettura della vittima, a un piccolo incendio divampato dolosamente nella casa di villeggiatura della donna, fino ad arrivare all'azione più grave: l'inserimento del numero di telefono della ex come riferimento per inserzioni pubblicitarie in siti erotici a pagamento.

Questi comportamenti hanno compromesso la serenità della vittima, che ha dovuto modificare le proprie abitudini di vita. Nei confronti del trentenne, già poche settimane fa, era stata disposta la misura del divieto di avvicinamento, ma a distanza di qualche giorno è avvenuto un nuovo episodio: è bastato che l'ex vedesse la donna parlare sotto casa con un ragazzo per far ripartire minacce e molestie.