Stop alla circolazione delle carrozze trainate da cavalli nelle ore più calde. Lo stabilisce a Palermo una nuova ordinanza, nata allo scopo di tutelare le esigenze degli animali e di coloro che svolgono questo tipo di servizio.

Niente carrozze nelle ore più calde a Palermo

Il sindaco di Palermo Roberto Lagalla ha incontrato una rappresentanza della categoria dei cocchieri, per affrontare il tema della circolazione di mezzi pubblici trainati da cavalli. Nel corso della riunione è stata presentata l’ordinanza sindacale che decorrerà dal prossimo 18 luglio.

In dettaglio, nei giorni in cui è prevista una temperatura pari o superiore a 37 gradi, la circolazione delle carrozze sarà vietata dalle 13 alle 15.30, mentre il divieto sarà più esteso, dalle 12.30 alle 16, in tutti i giorni per cui sia stato emanato avviso di Protezione civile per ondata di calore.

Nella ordinanza è previsto inoltre che a bordo di ogni carrozza sia disponibile una scorta non inferiore ai dieci litri d’acqua e che sia effettuata una sosta di almeno 10 minuti ogni due ore in aree preventivamente individuate e ad uso esclusivo, con una sufficiente zona di copertura realizzata in materiali idonei a proteggere gli animali dagli eventi atmosferici.

Ogni anno, con l’arrivo dell’estate, emerge anche la problematica del trasporto su mezzi trainati da cavalli. Le temperature, soprattutto nel vivo della stagione estiva, raggiungono valori molto elevati, con un conseguente e forte disagio per gli animali che percorrono le strade anche sotto il sole cocente.

“L’ordinanza vuole andare incontro alle esigenze degli animali e di coloro che svolgono questo servizio, molto utilizzato dai turisti durante l’estate”, ha detto il sindaco Lagalla.

Salvaguardando la salute dei cavalli – ha aggiunto il primo cittadino di Palermo – si tutela allo stesso tempo il lavoro svolto dai cocchieri, comunque già impegnati nella cura degli equidi, sottoposti costantemente ad esami e puntualmente monitorati dai veterinari dell’Asp di Palermo”.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati