Parole Siciliane quasi scomparse più belle.

  • Ci sono parole della lingua siciliana di cui ormai quasi nessuno si ricorda.
  • Averne perduto l’utilizzo è un peccato: per questo bisogna riscoprirle.
  • Dietro ogni parola siciliana dimenticata, c’è un pezzo di storia della Sicilia.

Se c’è una cosa che sappiamo bene, è che non si finisce mai di conoscere la Sicilia. Soprattutto quando si parla di lingua siciliana, si apre un capitolo vastissimo e incredibilmente interessante della nostra tradizione. Oggi vogliamo parlarvi delle parole siciliane quasi scomparse più belle. La nostra Angela Marino ha voluto raccogliere quelle che, secondo lei, sono parole ormai un po’ dimenticate, relegate all’ambito del ricordo. Recuperarle e tornare a utilizzarle sarebbe proprio un bel modo di rendere omaggio alla lingua della Sicilia della Sicilia, sempre affascinante e ricca di sfumature.

Parole Siciliane che non si usano più

Abbunazzatu= mezzo scemo

Addrevu =bambino

Addrumari = accendere

Addunarisi = accorgersi

Ammizzigliatu = viziato, coccolato

Ammuttari = spingere

Ammuttunari = farcire

Annacari = cullare, dondolare

Arriminari = rimescolare

Arriminarisi= muoversi

Arrunchia-maccu = pasticcione

Azzizzari = aggiustare

Babbiari = scherzare

Bunaca = giacca da uomo

Cacinaru = pietra, masso

Cannata = grande boccale

Cannavazzu = straccio per lavare i pavimenti

Cantaru = vaso in terracotta per defecare

Cessu = toilette

Ciaula = cornacchia

Ciruottu = lucido per scarpe

Cuacina = calce, impasto per murare

Cucuzza = zucca

Cufularu = focolare

Cuppuluni = cuffietta per neonato

Curria = cinghia

Curriottu = contenitore fatto con doghe di legno per le sardine salate

Cuttunina = trapunta imbottita di cotone

Fallaru (o fadali) = grembiule

Farfantaria = bugia

Fuitina = fuga d’amore

Gagliuni = mozzo di barca

Gracciuni = graffio

Gramusciu = cucciolo, soprattutto di gatto

Grasta = vaso per piante

Gregna = covone

Gresta = ciotola per animali

Gucceri ( o vucceri) = macellaio

Jazzu = giaciglio

Jppuni = bustino, top

Ladiu (o lariu o lasdu) = brutto

Lavamani = mobile-toilette

Lemmi (o lemmu) = bacinella profonda in terracotta smaltata

Mappina = strofinaccio

Margagliuni = zappa larga e pesante

Marinisi = empedoclino

Mastru d’ascia = falegname

Mattula = cotone, bambagia

Micciusa = lucerna

Murritusu = discolo

Musta-cca = dammi qua

Naca = culla, altalena

Ncuitari = disturbare, infastidire

Nicareddra = piccolina

Nutricu = neonato

Panarieddru = braciere

Pilacchiu = scarafaggio

Prescia = fretta

Puddritru = piccolo di asina

Pumadamuri (o pudamuri) = pomodoro

Pumettu = bottone

Putru = piccolo di cavalla

Schiffaratu = fannullone

Splavidu = scolorito

Strafalariu = chiassoso, volgare

Surci vecchiu = pipistrello

Taranti = bretelle

Tascappani = bisaccia

Timpulata (o timpuluni) = schiaffone

Timpuni = zolla di terra dissodata

Tistetta = grosso mattone per costruzione

Trabacca = lettiera

Troia = scrofa

Trubeli = tovaglia da tavola

Vacili = bacinella per lavarsi la faccia (insieme alla cannata stava sul lavamani)

Zappuddra = zappa

Zzotta = frusta

Articoli correlati