Un intero paese si è stretta al dolore di una famiglia e, alla perdita di un bravo ragazzo che nella giornata di venerdì mattina si è tolto inspiegabilmente la vita, Una brutta e sconvolgente notizia che ha fatto subito il giro nel paese di Polizzi Generosa tra incredulità e sgomento di conoscenti o meno. Un gesto inaspettato per tanti quello di Gandolfo, di 25 anni che,non aveva dato segnali tali da, poter preoccupare coloro che lo conoscevano. Sempre sorridente e gentile, chiacchierone con tutti, un giovane che tra divertimento e passione per la sua campagna portava avanti assieme al padre, un lavoro che tanti suoi coetanei non pensano nemmeno.

Ritrovato a casa nelle prime ore del mattino, la notizia si è subito allargata a macchia d’olio e l’allarme, ha portato il paese ha porsi tante domande e, del perché del gesto. Una grave perdita per la comunità e per tutti coloro che lo conoscevano e ne apprezzavano la spensieratezza e la sua bontà d’animo. 

 

Due giorni di silenzio per il piccolo paese madonita che tutt’oggi nella Chiesa Madre stracolma di gente, rimane ancora incredula, così come lo stesso parroco, don Giovanni Silvestri nella sua omelia, ha ricordato le difficoltà che i giovani incontrano durante il loro cammino e la loro crescita, cedendo alle  prime complicazioni, quindi esortandoli ad aprirsi e parlare di tutto senza nascondersi dietro situazioni che a volte non esistono con tempistiche che a volte non bastano per evitare ripensamenti o fermarsi e, chiedersi il perché. Lacrime agli occhi per tanti, anche per coloro che non avevano stretti contatti con Gandolfo, anche perché la vità và vissuta in piena armonia, e la gioventù rimane sempre un punto di riferimento per tante speranze.

 

Commovente anche il ricordo della sorella non presente che, ha voluto ricordarlo con tanto sentimento e amore  in un messaggio letto dal parroco e, come sempre l’affetto dei cari sovrasta tutte le problematiche, le diatribe e le delusioni che tutti possiamo avere.

 

Antonio David