Scopriamo i proverbi siciliani per la Festa di Santa Lucia.

  • Il 13 dicembre si rinnova un appuntamento molto sentito in Sicilia.
  • Si tratta di una festa tra fede e folklore, che unisce riti antichi e tradizioni.
  • Scopriamo insieme i modi di dire più famosi.

La Festa di Santa Lucia è una ricorrenza molto amata in Sicilia. In questa occasione, si preparano arancine (o arancini) e cuccìa e si rinnovano i riti della tradizione. Anche in questo caso non potevano mancare una serie di modi di dire pensati proprio per la giornata. Vediamo dunque quali sono i migliori proverbi siciliani di Santa Lucia. Se ne conoscete altri, suggeriteceli nei commenti!

  • Ciuri di lumia: havi li capiddi di S. Rusulia e l’occhi beddi di Santa Lucia;
  • Santa Lucia, pani vurrìa… pani nun haju, accussì mi staiu (Non si apparecchia la tavola);
  • Pi S. Lucia lu jornu cchiù curtu ca ci sia;
  • Cu simina a S. Lucia nun porta frumentu pi la via;
  • All’8 Maria, a lu 13 Lucia, a lu 25 lu veru Missia, lu bonu massaru siminatu avia;
  • Da S. Lucia a Natali quantu un passu di cani, da Natali all’Annu Novu quantu un passu d’omu;
  • Santa Lucia, prima di chioviri lampìa;
  • Santa Lucia, d’acqua stiddìa;
  • Da S. Lucia a Natali tririci jorna nun li cuntari;
  • Di la ‘Mmaculata a S. Lucia un passu di cuccivia (allodola);
  • Santa Lucia, la cchiù longa nuttata chi ci sia.

Articoli correlati