Si può vivere nutrendosi di sola energia, come predica il cosiddetto – e ormai celebre – respirianesimo? La domanda se la sono posta in tanti dopo la pubblicazione di questo articolo da parte di un'agenzia quotata come l'Adnkronos. Anche giornali importantissimi come Il Fatto Quotidiano hanno ripreso la (presunta) notizia, mentre altri prima hanno pubblicato e poi cancellato il pezzo, ad esempio Focus.

Nicolas Pilartz, fondatore del gruppo Facebook "Alimentazione Pranica", che conta più di 1.000 iscritti, di respirianesimo ne parla convinto: "Mi sono documentato, ho letto libri, ho fatto ricerche e ho scoperto che sono sempre esistiti nella storia personaggi che riuscivano e riescono tuttora a sostenersi senza cibi solidi e liquidi. Il nutrimento viene dall'energia, Prana in indiano, Chi in cinese. E avviene in modo naturale da sempre perché il nostro corpo è predisposto a nutrirsi di energia. Così ho deciso di provare su me stesso e ora sono tre anni che mi alimento pranicamente".

Che ci crediate o no, la polemica continua a montare. E ci sono portali di prim'ordine come Wired che hanno pensato di pubblicare una sorta di filippica contro il respirianesimo: "Come può una dieta basata sulla sola respirazione, senza cibo né acqua, permettere di sopravvivere? Semplice: non può. Inutile scomodare epigenetica e fisica quantistica", si legge sul sito. Opinione condivisibile. Sicuramente bisogna andarci piano con certe teorie rivoluzionarie. E magari fare riferimento a consigli utili su argomenti, per così dire, attendibili. Basti pensare alla carne cancerogena di cui vi abbiamo parlato diffusamente…