Un'odissea lunga addirittura 24 ore quella di 180 passeggeri di un volo RyanAir che sono rimasti bloccati in Marocco dalle 6.30 di domenica a causa di non meglio precisati problemi tecnici. La partenza era stata inizialmente riprogrammata per le 10.30, ma a pochi minuti dall'imbarco era arrivato l'ennesimo stop. Il volo diretto a Orio al Serio (Bergamo) è partito solo nel primo pomeriggio di lunedì, scrive TgCom.

Accompagnati in aeroporto, dopo aver passato la notte in hotel, i passeggeri si sono presentati al check in per ripetere le operazioni di imbarco. Tutto sembrava filare liscio. Poi, a pochi minuti dal decollo, un nuovo stop. È solo alle 14 che finalmente il volo è decollato. "Non ci dicono nulla, dopo una giornata passata in attesa", ha raccontatouna ragazza che attendeva in aeroporto a Marrakech di rientrare in Italia. Il velivolo messo a disposizione dalla compagnia per il rientro è lo stesso che domenica ha presentato guasti e fatto propendere per un annullamento del decollo. 

I passeggeri intanto si sono organizzati, raccogliendo dati e numeri di telefono, per intraprendere una class action nei confronti della compagnia low cost che a loro dire non li avrebbe assistiti e soprattutto non li avrebbe tenuti al corrente di tutto quel che stava succedendo.