Sergio Castellitto sarà il Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa nella serie di Lucio Pellegrini, co-prodotta da Rai Fiction e Stand by me, che andrà in onda prossimamente su Rai1, in occasione del 40° anniversario dalla strage di via Carini, in cui la mafia uccise il generale Dalla Chiesa, sua moglie Emanuela Setti Carraro e l’agente di scorta Domenico Russo.

Una serie in 4 serate, prodotta da Simona Ercolani e scritta da Monica Zapelli e Peppe Fiore, girata tra Roma, Palermo e Torino che ripercorre la lotta condotta dal generale dei carabinieri Carlo Alberto Dalla Chiesa negli anni Settanta contro le Brigate Rosse: per combatterle, Dalla Chiesa crea il “Nucleo Speciale Antiterrorismo”, un gruppo scelto di giovani carabinieri che agisce con metodi e mezzi innovativi per l’epoca.

Sergio Castellitto nei panni del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa.

La guerra per la difesa della democrazia – che si snoda in un susseguirsi incalzante di vittorie e sconfitte – vede contrapposti, da una parte, un gruppo rivoluzionario clandestino, spietato, composto da terroristi spesso giovanissimi; dall’altra il generale e i suoi ragazzi, coi quali Dalla Chiesa vive un rapporto professionale e umano, continuo e profondo.

Sullo sfondo dei misteri e delle trame della storia d’Italia, la serie accompagna la vita del Generale fino al 3 settembre 1982 quando, tornato a Palermo come prefetto speciale, verrà assassinato Dalla mafia.

La serie è una co-produzione Rai Fiction – Stand by me. Una serie di Lucio Pellegrini, con la regia di Lucio Pellegrini e Andrea Jublin. Soggetto di serie, soggetti e sceneggiature di puntate: Monica Zapelli; soggetti e sceneggiature di puntate: Peppe Fiore; con la consulenza storica di Giovanni Bianconi. In onda prossimamente su Rai1.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati