Si maritau Rosa è una celebre canzone popolare siciliana. Si tratta di un canto della tradizione, diffuso in diverse parti dell’Isola, che assume testi leggermente diversi a seconda dell’area di riferimento. Probabilmente l’avrete sentita tutti, almeno una volta. Il testo fa riferimento alla condizione di una giovane che non riesce a trovare marito. Una condizione che, raggiunta una determinata età, in alcune epoche del passato era praticamente inaccettabile.

A parlare, dunque, è la triste protagonista. Intorno a lei la primavera è in fiore e gli uccelli volano spensierati, ma il suo animo soffre. Nonostante tanti bei giovanotti passino sotto la sua finestra, nessuno le fa la corte. Arriva, dunque, la spiegazione di tanto penare: “Mi vogghiu fari zita, mi vogghiu marità”, canta, spiegando di volersi fidanzare e sposare anche lei, così come hanno fatto Rosa, Saridda e Pippinedda.

Nel corso degli anni, questa canzone è stata interpretata da molti artisti, tra i quali la grande Rosa Balistreri. Anche il tenore Roberto Alagna ha regalato al pubblico la sua versione. Vi proponiamo uno dei testi disponibili: non si tratta dell’unico in circolazione, quindi potreste riscontrare alcune differenze.

Si maritau Rosa Testo

Vinni la primavera
li mennuli su ‘nciuri
a mia ‘nfocu d’amuri
lu cori m’addumò
l’aceddi s’assicutunu
facennu discurseddi
di quanti cosi beddi
ca mi fannu ‘nsunnar
si maritau rosa
Saridda e Pippinedda
e iu ca sugnu bedda
mi vogghiu marità
di quanti beddi giuvini
ca passunu di sta strada
nuddu di na taliata
digna la casa me
e iu tra peni e lacrimi
distruggiu la me vita
mi vogghiu fari zita
mi vogghiu marità
si maritau Rosa
Saridda e Pippinedda
e iu ca sugnu bedda
mi vogghiu marità