Il viaggio alla scoperta della lingua siciliana e dei suoi modi di dire ci porta oggi ad approfondire un’espressione abbastanza diffusa: Si vitti u cori! Probabilmente l’avete già sentita, ma magari per alcuni suona del tutto nuova. Come al solito, iniziamo subito dalla sua traduzione letterale: “Si è visto il cuore!”.

Perché si utilizza questo modo di dire. I significati sono due.

Si vitti u cori” può essere anzitutto un’espressione di ringraziamento, rivolta a qualcuno che ha tentato, senza riuscirci del tutto. In questo caso suona un po’ come “Non fa niente, grazie lo stesso, apprezzo l’impegno. L’altro significato è di disappunto, nei confronti di un’azione attesa, ma che non viene eseguita per mancanza di volontà. In questo caso, suona come “Va beh, se aspetto te, non avverrà mai niente!”.