Siamo nel vivo dell’estate e le giornate di caldo sono diventate la norma. Per rimanere in tema con l’attuale situazione climatica, abbiamo pensato di approfondire l’origine di una parola siciliana molto conosciuta: caudu (che nelle varie zone assume varianti come cavudu e cavuru).

Come spiega la pagina Facebook Cademia Siciliana, si parte dall’aggettivo latino calidum, accusativo di calidus, che perde la -m dell’accusativo, diventando calidu. Successivamente è caduta la -i per sincope, così da avere caldu.

In italiano, la l rimane tale, mentre in siciliano si vocalizza, diventando una u: così si passa al nesso al, che dà au. Così arriviamo da caldu a caudu. Ma non finisce qui. Quel caudu, nelle varianti dialettali, assume diverse forme. In alcune viene rotacizzata la d (da caudu a cauru); in altre si aggiunge una v, che spezza il dittongo au (da caudu a cavudu) e così via.

A proposito di caldo (e a proposito di lingua siciliana): ecco alcuni proverbi siciliani sull’estate.

  • Austu è capu di ‘nvernu
    Agosto inizio d’inverno
  • Giugnu e Giugnettu sauta du lettu
    A Giugno dormi poco
  • Si voi pruvari li peni di lu ‘nfernu, lu ‘vernu a Missina, e la stati a Palermu
    Se vuoi provare le pene dell’inferno passa l’inverno a Messina, e l’estate a Palermo
  • Quannu viditi nespoli chianciti chistu è lu primu fruttu di l’estati
    Le nespole indicano l’arrivo dell’estate
  • Dissi lu cerru a la cocuzza, ‘nta austu si vidi cu è cerru e cu cocuzza
    Disse la quercia alla zucchina “Ad Agosto si vede chi è quercia o zucchina”
  • Quannu lu persicu ciurisci e matura lu jornu cu la notti si misura
    Quando il pesco fiorisce e matura il giorno e la notte sono di egual misura
  • Jornu curtu, pisci longu; jornu longu, pisci curtu
    Giorno corto, pesce lungo; giorno lungo, pesce corto