L’Agenzia Spaziale Europea (ESA) ritrae una inedita Sicilia.

  • Ancora una volta le foto dallo spazio della Sicilia ci lasciano senza fiato.
  • Stavolta l’Esa ha catturato la sabbia del Sahara sospinta dallo Scirocco sulla nostra Isola.
  • L’immagine rivela alcuni dettagli inediti: scopriamoli insieme.

Le immagini della Sicilia dallo spazio sono sempre una piacevole scoperta. Nonostante siamo ormai abituati a vedere la nostra isola da questo punto di vista privilegiato, è sempre interessante scoprirne le diverse sfumature a seconda dei periodi dell’anno. L’Agenzia Spaziale Europea è riuscita a catturare un momento particolare, rendendoci protagonisti della foto del giorno. Nello scatto si vede la sabbia del Sahara che, spinta dal vento di Scirocco, raggiunge la Sicilia. A ritrarre questo momento è stata la coppia di satelliti Sentinel-3 del programma Copernicus. Il programma è un progetto della Commissione Europea e dell’ESA ed è dedicato all’osservazione della Terra.

La Sicilia attraverso gli occhi dei Satelliti

La foto lascia distinguere molto chiaramente il pennacchio bianco dell’Etna, innevato e in eruzione. Un grande spettacolo della natura che unisce fuoco e ghiaccio. L’immagine satellitare dell’Agenzia Spaziale Europea mostra la Sicilia quasi del tutto priva di nuvole. L’unica “nube” che si vede è proprio quella di sabbia. La sabbia si dirige verso la parte occidentale della regione, al largo delle coste della provincia di Trapani. I due satelliti sentinella mostrano anche, lungo la costa meridionale della nostra Isola, un colore più tenue rispetto al classico blu intenso del Mediterraneo. Quel colore è dato dalla fioritura del fitoplancton, ha spiegato l’ESA. Si tratta di un insieme di minuscoli organismi vegetali acquatici la cui crescita, ci dicono gli esperti, viene favorita dall’abbondanza di sedimenti rilasciati in acqua dalle spiagge sabbiose e dall’alta concentrazione di nutrienti che si trovano in queste acque costiere.

La foto del giorno dell’ESA che ritrae la Sicilia è stata realizzata nel corso del primo weekend del mese di febbraio. In quei giorni lo Scirocco ha portato temperature al di sopra dei 20 gradi, con picchi di oltre 26 gradi nella città di Palermo. Una situazione decisamente anomala per il periodo, che ha portato tanti siciliani sulle spiagge, per un piccolo anticipo di primavera.

Articoli correlati