STROMBOLI – Momenti di panico ieri pomeriggio a bordo dell'aliscafo "Masaccio" della Società di Navigazione Siciliana, finito contro la banchina del porto di Stromboli durante la fase di ormeggio, a causa del forte vento di scirocco che ha causato enormi disagi in tutta la Sicilia. L'imbarcazione è parzialmente affondata, ma fortunatamente nessuno è rimasto ferito, come confermato dalla Guardia Costiera. A bordo c'erano 117 passeggeri e 6 membri dell'equipaggio: tra urla di terrore e panico, tutti sono stati subito tranquillizzati dall'equipaggio e dal comandante del "Masaccio", Salvatore Arena, che ha diretto le operazioni di soccorso ed è stato l'ultimo ad abbandonare l'imbarcazione.

Sono stati tutti fatti sbarcare grazie alle zattere di salvataggio e con l'aiuto dei natanti di alcuni abitanti dell'isola, che hanno subito prestato soccorso. Sono intervenuti anche alcuni mezzi della Capitaneria di Porto e un elicottero della Guardia Costiera decollato da Catania. L'incidente si è verificato intorno alle ore 16, quando il "Masaccio", che collega Milazzo, Lipari e Stromboli, stava per attraccare nel porto della frazione di Scari. Una raffica di scirocco molto forte ha spinto all'improvviso la prua dell'aliscafo contro il molo: la posizione ha causato il parziale affondamento del natante.