Dal 13 al 16 ottobre ci sarà l’edizione 2022 della Targa Florio classica, che coincide con l’ultimo atto della stazione del Campionato Italiano Grandi Eventi di ACI Sport.

I partecipanti di quest’anno potranno prendere parte alla famosa Cursa, una delle più antiche e famose gare automobilistiche del mondo, in cui hanno gareggiato piloti del calibro di Tazio Nuvolari, Stirling Moss, Graham Hill e Nino Vaccarella.

Il percorso della gara di regolarità, ideato per ripercorrere i luoghi storici della Sicilia, partirà da Palermo e attraverserà le Madonie con lo storico “Circuito”, le affascinanti tribune e i box di Floriopoli fino ad arrivare all’Autodromo di Pergusa.

La partenza avverrà venerdì 14 ottobre dal Museo Storico dei Motori e dei Meccanismi dell’Università di Palermo. La gara proseguirà verso l’entroterra siciliano e toccherà le città di Caltanissetta e di Enna, dove è prevista una sosta esclusiva all’Autodromo di Pergusa.

Il percorso di sabato si snoderà sul “Circuito delle Madonie”, teatro delle gesta eroiche dei piloti che hanno corso la Targa Florio e toccherà la magnifica Cefalù. La tappa del sabato concluderà la gara di regolarità con l’arrivo finale dei concorrenti nel capoluogo siciliano.

Anche quest’anno è previsto un tour domenicale per le meraviglie di Palermo, dove gli equipaggi, potranno confrontarsi in un evento competitivo allestito con i pressostati. Al termine del pranzo si svolgerà la tradizionale Cerimonia di Premiazione.

Le vetture che potranno prendere parte all’evento saranno divise in quattro categorie:

  • Targa Florio Classica – vetture prodotte fino al 1977
  • Targa Florio Legend – vetture prodotte dal 1978 al 1990
  • Targa Florio Gran Turismo – vetture GT prodotte dal 1991
  • Ferrari Tribute – riservato a possessori di vetture Ferrari prodotte dal 1991.
logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati