Terremoto nella notte di mercoledì 22 settembre in provincia di Catania. Secondo quanto comunicato dall’Ingv Sezione Terremoti, le scosse sono state due, nei territori di Ragalna e Paternò. Tutti i dettagli.

Terremoto in provincia di Catania

La terra ha tremato nell’area che include i territori di Ragalna e Paternò, in provincia di Catania. Le scosse sono state due: la prima, di magnitudo 2.5, si è verificata intorno a mezzanotte a due chilometri da Ragalna. La seconda, di magnitudo 3.6, è stata avvertita invece alle 4 del mattino, a 4 chilometri da Paternò.  Le scosse di terremoto non avrebbero provocato danni a persone o cose.

Cosa fare in caso di terremoto

Il Dipartimento di Protezione Civile ha pubblicato una guida approfondita, che contiene indicazioni utili per comprendere il rischio sismico e la pericolosità sismica del territorio, nonché di prevenire e affrontare i terremoti con istruzioni utili sul comportamento da avere.

Se durante il sisma sei in un luogo chiuso:

  • Riparati nel vano di una porta inserita in un muro portante oppure sotto una trave che può proteggerti da eventuali crolli
  • Cerca riparo sotto un tavolo: allontanati da mobili, oggetti pesanti e vetri che potrebbero ferirti
  • Evita le scale e l’ascensore: a volte le scale sono la parte più debole dell’edificio, mentre l’ascensore può bloccarsi
  • Accertati di avere in casa una cassetta di primo soccorso: ogni componente della famiglia deve sapere dove è riposta

Se durante il terremoto sei all’aperto:

  • Allontanati da costruzioni e linee elettriche
  • Stai lontano da impianti industriali
  • Allontanati dai margini dei laghi e delle spiagge marine, si possono verificare onde di tsunami
  • Evita di utilizzare il telefono e l’automobile, è importante lasciare le linee telefoniche e le strade libere per non intralciare i soccorsi
  • In auto evita di sostare nei pressi di ponti, terreni franosi o spiagge.
logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati