Stamattina, alle 6.49, l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) ha registrato una scossa di terremoto di magnitudo 3.1 al largo delle isole Eolie, nella zona del Tirreno Meridionale, con epicentro al mare. Il sisma è stato localizzato a una profondità di 292 chilomettri. Città più vicine all’epicentro: Messina (92 chilometri), Lamezia Terme (92 chilometri), Cosenza (93 chilometri).

A Stromboli, a causa dei fenomeni eruttivi, oggi le scuole restano chiuse. Lo ha disposto con propria ordinanza il sindaco di Lipari, Riccardo Gullo. La decisione è maturata, durante la riunione del COC (Centro operativo comunale) tenuta a Lipari e che, originariamente, era stata convocata per fare il punto della situazione dopo la scossa di terremoto di magnitudo 4.6. Oggi, a seguito dell’evoluzione dell’attività vulcanica, si deciderà se bloccare, in via momentanea, anche le escursioni sul cratere.

La scossa di ieri è avvenuta alle 8.12, a 3 chilometri di profondità, a sud di Vulcano. Il sisma è stato avvertito dalle persone in tutta la provincia di Messina e nel capoluogo. Non si sono registrati danni.

Sempre ieri si è verificato un maremoto al largo dell’isola di Stromboli, provocando un’onda di tsunami alta circa un metro e mezzo. Il maremoto è stato provocato da un distacco sulla Sciara del Fuoco (quindi, non dal terremoto). Sull’isola sono risuonati gli allarmi: nessun danno.

Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di SiciliaFan! Iscriviti, cliccando qui!

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia