Dal 4 al 6 novembre alcuni comuni delle province di Messina e Reggio Calabria saranno coinvolti nell’esercitazione nazionale di Protezione Civile ”Sisma dello stretto 2022”, promossa e organizzata dal Dipartimento della Protezione civile.

All’iniziativa del Dipartimento nazionale hanno aderito le Regioni Sicilia e Calabria e tra i Comuni anche quello di Messina che testerà la propria struttura di protezione civile nell’ambito dell’attività esercitativa. ‘

‘Come Amministrazione comunale – ha dichiarato l’Assessore alla Protezione Civile Massimiliano Minutoli del Comune di Messina – ci siamo resi disponibili con le nostre strutture e il nostro sistema per gestire le esigenze previste nel documento di impianto. Si avverte la popolazione che si tratta di un’esercitazione e quindi non c’è alcun pericolo reale”.

Lo scenario prevede la simulazione di un terremoto di magnitudo 6 verosimilmente capace di innescare effetti ambientali a terra, come frane e liquefazioni, e fenomeni di maremoto che potenzialmente interesserebbero numerose località costiere, tra cui il Comune di Messina.

Nell’ambito dell’esercitazione, venerdì 4 novembre sarà testato il sistema di allarme pubblico IT-alert per l’informazione dei cittadini attraverso la tecnologia cell.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia