Conoscete la leggenda del tesoro della Chiesa di Santa Maria di Randazzo? Se non l’avete mai sentita, è il momento di scoprirla. Randazzo è un comune del Catanese che si trova a oltre 700 metri, sul versante nord dell’Etna. Si tratta di un vero gioiello, che racchiude le antiche atmosfere medievali.

La tradizione locale narra che, nelle lunghe sere invernali, le famiglie si riunissero intorno al focolare. Gli anziani raccontavano miti e leggende, in modo che venissero tramandati, e tra questi c’erano le cosiddette “truvature“. Le truvature sono favolosi terosi incantati, custoditi da figure particolari, come folletti, spiriti, giganti o demoni.

La Chiesa di Santa Maria di Randazzo porta con sé una leggenda di truvatura. Qui, infatti, ci sarebbero numerosi oggetti di inestimabile valore, tra cui una chioccia con i pulcini tutti d’oro tempestati da pietre preziose.

Il tesoro della chiesa di Santa Maria

In particolare, la stanza del tesoro è collocata alla fine di una lunga galleria scavata nella roccia vulcanica. L’ingresso della galleria è in una grotta che si apre sotto il Monastero di San Giorgio, tra le rocce delle Gole dell’Alcantara. Non è facile raggiungerla, perché bisogna attraversare sette porte custodite da demoni e mostri, che sono chiuse ermeticamente e vengono aperte solo una volta l’anno, durante la Messa di Natale.

Secondo la tradizione, nel momento esatto in cui il sacerdote alza l’ostia per la benedizione, allora i cancelli si aprono magicamente. Ma solo per pochi istanti. Se non si riesce a tornare indietro si rischia di rimanere intrappolati nella stanza segreta per l’intero anno, ma c’è chi dice anche per sempre.

Dai racconti popolari si evince che il proprietario del terreno dove si trova l’ingresso della galleria l’abbia fatto chiudere, perché infastidito dal viavai di curiosi. La fitta vegetazione ha, con il tempo, occultato qualsiasi traccia del tesoro custodito nella stanza segreta della Chiesa.

Gli oggetti preziosi, però, si trovano ancora là in attesa di essere riscoperti. Pare che una volta un uomo sia riuscito a superare le sette porte della galleria, raggiungendo il tesoro. Il problema è che non riuscì a tornare indietro in tempo, affascinato dalle ricchezze. Rimase intrappolato per sempre, diventando una statua.