Avete mai notato che alla statua di Diana della Fontana Pretoria di Palermo manca la testa? Guardando con attenzione alla celebre fontana del centro storico, che si trova proprio davanti Palazzo delle Aquile, appare evidente che manca qualcosa. La statua in questione si trova dal lato del Palazzo delle Aquile, sulla sinistra della rampa.
Ma che fine ha fatto quella testa?

La fontana fu costruita nel 1554 a Firenze da Francesco Camilliani e poi trasportata a Palermo nel 1581 per volontà del Senato Palermitano, per abbellire la piazza in cui ha sede il Comune.

Da allora si erge maestosa, in tutto il suo splendore. Esistono molte storie su quello che è accaduto alla statua di Diana, alcune delle quali molto fantasiose. Secondo alcuni sarebbe stata trafugata dai soldati durante l’occupazione americana, ma alcune foto degli anni Sessanta smentiscono questa ipotesi. Secondo altri, invece, negli anni Settanta, durante una manifestazione, sarebbe stata rotta con una spranga.

A fare chiarezza è il “Bollettino d’Arte” (Serie IV – Fascicolo 17 – Anno 1983) dei Beni Culturali, che parla del “furto delle teste di Diana e della Venere Verticordia, avvenuto nella notte tra il 24 e il 25 agosto del 1975”.

Ecco dunque perché nella Fontana Pretoria manca la testa di Diana. A riaccendere i riflettori su questo mistero è stata la pagina Facebook “Historia Palermo“.

Foto Wikipedia

Articoli correlati