È a Palermo uno dei migliori progetti gastronomici solidali del 2022. A dirlo è l’autorevole Gambero Rosso, che inserisce il ristorante Moltivolti nel suo “The Best of 2022“, che racconta fatti, storie e progetti più interessanti e significativi dell’anno che sta per passare.

Gambero Rosso premia Palermo e il suo Moltivolti

Il Gambero Rosso ha selezionato Moltivolti tra i migliori progetti di enogastronomia solidale del 2022. La rivista ha sottolineato quanto il locale sia un luogo d’incontro, un ristorante, un co-working, ma soprattutto un progetto di inclusione sociale che ha il suo quartiere generale nel cuore di Ballarò, il mercato più multietnico di Palermo.

All’importante rivista gastronomica non sono sfuggiti i piatti simbolo del ristorante, come il Mafè Senegalese, il goloso spezzatino di carne, verdure e voluttuoso burro di arachidi, o la Doppiaza Afghana, il corroborante stufato di vitello con riso e cipolla caramellata. E, ancora, il signature dish: il cous cous di pesce, piatto simbolo di integrazione per antonomasia, qui proposto nella sua versione trapanese.

Moltivolti è un’attitudine all’accoglienza fuori e dentro il piatto, un modo gioioso di vivere le differenze a tavola come tra le persone”, racconta Antonio Campo, chef del locale che, dopo importanti esperienze in Italia e all’estero, ha deciso di ritornare nella sua Sicilia. “Qui la mediazione culturale viene sempre un passo prima della cucina, è un lavoro spesso complesso ma di grande condivisione con la brigata, la ricerca dell’autenticità in ogni piatto è il nostro impegno costante”.

“Questo è un luogo dove la solidarietà si traduce in progetti e opportunità di integrazione, lavoro e cooperazione concreti, con uno staff formato da oltre trenta persone provenienti da dieci paesi differenti. Qui ognuno ha una sua storia, un suo bagaglio di vita, e con i suoi sapori contribuisce alla creazione di piatti che abbracciano la cucina siciliana e le ricette provenienti da diversi paesi del Mediterraneo: dal Senegal alla Tunisia, dall’Afghanistan alla Palestina, ma non mi piace parlare di cucina etnica, preferisco definire la nostra cucina come internazionale, è più coerente con i nostri percorsi”.

Anche i piccoli produttori sono protagonisti, chiamati a pieno titolo con i loro ingredienti a far parte di un gioco di squadra in cui il buono incontra la solidarietà e la sostenibilità ambientale. La materia prima che Moltivolti sceglie è frutto di uno scambio continuo con l’adiacente mercato di Ballarò. Il locale integra tra i suoi lavoratori e dipendenti richiedenti asilo e rifugiati politici e coinvolge in percorsi di avvio al lavoro soggetti in giustizia ripartiva dell’area penale.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati