Sono tre i capoluoghi siciliani che hanno ottenuto un posto entro i primi 25 nella top 100 dei comuni italiani in ambito turistico. A dirlo è un nuovo report, realizzato da Sociometrica. Conosciamo meglio i dettagli e chi si è piazzato tra i migliori del nostro Paese.

Sicilia nella Top 100 dei comuni turistici

Sono Palermo, Catania e Siracusa, rispettivamente al tredicesimo, ventiquattrestimo e venticinquesimo posto, i tre capoluoghi della Sicilia che hanno conquistato posizioni nella parte alta della classifica dei top 100 comuni turistici per valore aggiunto.

Continuando a scorrere nell’elenco, troviamo in 40esima posizione per Taormina, 54esima per Cefalù, e posizione 99 e 100, rispettivamente, per Giardini Naxos e Ragusa.

Il posizionamento nella parte finale della classifica, tuttavia, non va letto in modo negativo: bisogna considerare, infatti, che a monte sono stati presi in esame i dati di ben 3.390 comuni italiani.

Lo studio ha dunque considerato i dati relativi a 3.390 comuni, quelli cioè che l’Istat segnala come “turistici” (che hanno almeno una struttura ricettiva di qualunque tipo). In Italia i comuni turistici sono il 41,9% del totale. Da qui, si è concentrata l’attenzione sui dati dei primi 500 comuni più rappresentativi che, nel complesso, rappresentano l’83% del valore aggiunto turistico nazionale.

Questi 500 rappresentano la grande maggioranza del movimento turistico. Per ognuno, si è calcolato il valore aggiunto, attraverso una serie di variabili, come arrivi e presenze turistiche, popolazione e tipologia turistica, oltre a informazioni di carattere economico.

Lavorando con i dati comunali, si è creato un ranking dei comuni turistici, cioè una classifica è calcolata sulla base della performance turistica delle località nel corso del 2019, del 2020 e del 2021.

Gli analisti hanno poi fatto una stima per l’anno 2022, tenendo in considerazione i dati Istat da gennaio ad agosto incluso e su loro stime per i rimanenti quattro mesi. Le stime dei quattro mesi finali sono stare realizzate considerando lo scarso mese per mese del 2022 rispetto al 2019 (anno più rappresentativo, rispetto a quelli segnati dalla pandemia).

Foto di Dariolp83 – Own work, CC BY-SA 4.0.

logo-img
La redazione di siciliafan.it si impegna contro la divulgazione di fake news. La veridicità delle informazioni riportate su siciliafan.it viene preventivamente verificata tramite la consultazione di altre fonti.
Questo articolo è stato verificato con:
    Chiedi la correzione di questo articoloValuta il titolo di questa notizia

    Articoli correlati