In più di una occasione vi abbiamo parlato della cosiddetta Truffa dei diamanti e oggi torniamo sull'argomento, per raccontarvi ciò che è accaduto ad uno sfortunato acquirente. La vittima è un bolognese di 64 anni, che ha comprato per 1.500 euro un cofanetto di diamanti, che invece erano zirconi da 15 euro. A mettere in piedi la classica scena, tre palermitani di 66, 42 e 35 anni, tutti con precedenti penali.

La vicenda è avvenuta lo scorso 1 settembre, al mercato rionale di Castelvetrano (TP). Il bolognese è stato avvicinato da un sedicente marinaio francese, che gli ha chiesto informazioni per raggiungere l'ufficio informazioni e sistemare una pratica relativa a un cofanetto di diamanti. Nella conversazione si è introdotto un secondo truffatore, dicendo di essere un ferroviere, che si è offerto di mettere in contatto il marinaio con un gioielliere del luogo, per fare stimare i gioielli. Poco dopo, quindi, è arrivato il terzo truffatore: a suo parere i diamanti avrebbero fruttato almeno 14.000 euro

Il marinaio a quel punto ha iniziato a piangere sulla spalla della vittima, spiegando che si sarebbe accontentato anche di una somma minore pur di guadagnare qualcosa per tornare a casa. Il gioielliere a questo punto si è allontanato e il ferroviere ha fatto un'offerta di 7.000 euro. La vittima, quindi, ha raggiunto di corsa un bancomat ed ha prelevato 1.500 euro, per aggiudicarsi la merce.

Solo qualche ora dopo, raccontando tutto alla moglie, il bolognese ha capito di essere caduto in una trappola. Altro che diamanti: erano zirconi del valore di circa 15 euro l'una. I tre palermitani sono stati identificati dai carabinieri.