Lenti, sempre nascosti, eppure ricercatissimi: i babbaluci, cioè le lumache, sono grandi protagonisti della cucina siciliana. La Sicilia è una terra ideale per le chiocciole, grazie alla sua umidità: sono diffuse in tutto il territorio e molto utilizzate nei piatti della tradizione. Oggi, però, non vogliamo parlare di ricette, bensì di musica. Tanti di voi, infatti, ricorderanno una famosissima canzone siciliana che parla di babbaluci.

La canzone, chiamata “I babbaluci”, ma anche “Viri chi dannu”, è stata portata alla ribalta dal musicista siciliano Roy Paci, ma è molto più antica. Somiglia molto a una filastrocca. Difficile trovare notizie approfondite in proposito: come abbiamo ormai imparato, gli antichi canti popolari sono spesso di autore incerto. Sono entrati a far parte della tradizione nel corso dei decenni, tramandati da una generazione all’altra.

Così è stato per la canzone dei babbaluci “ca cu li corna ammuttano i balati”. Facendo una rapida ricerca, abbiamo trovato molti testi, con piccole differenze. Ve ne suggeriamo alcuni.

I Babbaluci Testo

Vidi chi dannu ca fannu i babbaluci
ca cu li corna ammuttano i balati,
su unn‘era lestu a jittarici na vuci
vidi chi dannu ca facianu i babbaluci.

C’era na vota, na vota un muraturi
ca lu travagliu ah nun putia truvari
e priava sempri a Santu Cuttufatu
truvau u travagliu e cadiu do fabbricatu.

C’era na vota, na vota un surdatu
aviu l’ugnu du pedi ‘mpussunatu
e priava sempri a Santu Gabrieli
ci guariu l’ugnu e ci cadiu lu pedi.

C’era na vota na vota un vicchiareddu,
ca avia lu sceccu ‘anticchia attuppateddu
e priava u disgraziatu ‘nginucchiuni
si stuppa u sceccu e s’attuppau u patruni.

Lu tavirnaru di l’Abbaddarò
avia tri giorni ca un putia pisciari
e priava a Santu Cuttufatu
pisciò vintitrì litri di moscatu.

Ecco un altro testo

Viri cchi dannu ca fannu i babbaluci
ca cu li corna ammuttanu i balati
su unn‘era lestu a jittarici na vuci
viri cchi dannu ca fannu i babbaluci.

C’era ‘na vota ‘nu poviru surdato
c’avieva l’ogghiu du peri atturciniato
prigo lu Santu Santu San Michele
Cariu lu ogghiu e ci cascau lu peri.

C’era ‘na vota ‘na povira cinquicentu
c’aveva persu lu tubbu ri scappamentu
prigu lu Santu Santu prutitturi
truvaò lu tubbo e perse lu muturi.

C’era ‘na vota nu poviru pasturi
c’avieva perso la pecora mighiuri
prigau i Santi Santi cavaleri
truvaò la pecora e perse a mugghieri.

C’era ‘na vota na povira signorina
ca persu lu taccu di la scarpina
prigava siempre la Santa Venerina
truvaò lu taccu e ci cascau a vestina.

E un altro ancora

Viri cchi dannu ca fanu i babbaluci
ca cu li corna ammuttano i balati
su nn’era lestu a jittaricci ‘na vuci
viri cchi dannu ca fanu i babbaluci.

C’era ‘na vota ‘npoviru piscaturi
c’avia tri misi ca nun ‘npiscava nenti
s’arrivurgiu allu santu patriarca
dopu tri jorna affunnau cu tutta a varca.

C’era ‘na vota ‘npoviru muraturi
c’avia tri misi ca nun faciva nenti
s’arrivurgiu allu santu prutitturi
dopu tri jorna cascau du ‘mpalcaturi.

C’era ‘na vota ‘npoviru becchinu
c’avia tri misi ca nun faciva nenti
s’arrivurgiu allu santu di l’altari
dopu tri jorna lu ieru a vurricari.