Mi votu e mi rivotu è una delle canzoni popolari siciliane più amate. È stata interpretata da diversi artisti, ma il grande pubblico l’ha conosciuta grazie a Rosa Balistreri. Si tratta di una canzone d’amore molto antica e, come accade spesso in questi casi, l’autore è sconosciuto.

In un’intervista, Rosa Balistreri spiega di averla sentita cantare dentro il carcere di Palermo, ma il testo in realtà è molto antico. Si trova, infatti, in molte raccolte di canzoni siciliane, come quella di Lionardo Vigo Calanna, marchese di Gallodoro. Nel 1870 pubblicò “Raccolta amplissima di canti siciliani”, il frutto di un intenso lavoro di ricerca di canti di vari paesi della Sicilia, durato oltre 20 anni. Nel testo, Mi votu e mi rivotu compare con il titolo “Nun dormu né riposu”.

La canzone si trova anche in una raccolta di Giuseppe Pitrè. Salomone Marino Salvatore, folclorista, la riporta nel suo “Canti popolari siciliani in aggiunta a quelli di Vigo”, con il titolo “Nun dormu né riposu a tia pinsannu”. Ancora, il compositore Francesco Paolo Frontini la include nella raccolta “Eco di Sicilia”, con il titolo di “Canzone villereccia”.

È presumibile, comunque, che questa canzone siciliana abbia origini ben più antiche dei primi testi che la riportano: sarebbe di almeno 100 anni antecedente. Un tempo, infatti, prima che una canzone scritta da autori sconosciuti diventasse un canto popolare, doveva trascorrere un periodo considerevole.

Testo Mi votu e mi rivotu

Mi votu e mi rivotu suspirannu,
passu li notti ‘nteri senza sonnu,
e li biddizzi tòi vaiu cuntimplannu,
li passu di la notti nzinu a gghiornu.
Pi tia non pozzu ora cchiu arripusari,
paci non havi chiù st’afflittu cori.
Lu sai quannu ca iu t’aju a lassari
Quannu la vita mia finisci e mori.”

Nella sua interpretazione Rosa Balistreri aggiunse una seconda strofa:

Palumma chi camini mari mari
ferma, quantu ti dicu du paroli quantu ti tiru ‘na pinna di st’ali
quantu fazzu ‘na littra a lu me amuri.
Li littri ti ‘nni mannu a tri a dui
posta ca di tia nun ‘aiu mai.