Conosciuta anche come Festa del Pane, A Fruottula di Cefalù si svolge nel giorno che precede la solennità del Corpus Domini. Quest’anno, l’appuntamento è in programma venerdì 21 giugno, a partire dalle ore 17, al termine della benedizione del pane presso la scalinata del Duomo. ‘A Fruottula ha origini molto antiche e simboleggia il rapporto tra la terra e il lavoro dell’uomo, rappresentato nel modo in cui sono allestiti i carri portati in processione, ornati con fiori e primizie di stagione.

In siciliano, il termine fruottula indica un tipo di poesia che si può musicare, cantata da un solista o da un coro, che racconta temi profani o religiosi, come ad esempio la vita dei Santi o la gloria del Signore. Nel tempo, il termine fruottula diventò un sinonimo di sfilata di carri allegorici. La manifestazione, legata all’ottava del Corpus Domini, è un retaggio dell’antica festa delle Maestranze e delle Corporazioni. Un tempo sfilavano per le vie del centro i contadini, vestiti con guanti, camicia bianca e un abito nero, con bombetta e farfalla dello stesso colore.

Nel corso della Fruottula vengono portate in processione alcune composizioni floreali, tra cui i carri che riproducono con i fiori il Santissimo Sacramento e il Cristo Pantocratore del Duomo di Cefalù. Un tempo, questi manufatti venivano trainati da cavalli, contadini e pescatori. Si sfilava con i prodotti della terra e del mare e al corteo prendevano parte tutte le corporazioni presenti a Cefalù.

Foto di Mariano Giannì